lunedì 26 aprile 2021

Haul | Come ho speso il mio budget in inverno

 Tempo di haul! Tipologia di post che mancava da mesi e mesi.
Oggi vi vostro che cosa ho acquistato nel primo trimestre di questo folle 2021. 

Se avete letto il post sui miei progetti di quest'anno, queste poche righe suoneranno ridondanti ma, per chi approdasse solo ora su questi schermi, ho deciso di destinare un budget mensile di 40 euro agli acquisti di makeup e skincare. Inoltre voglio terminare l'anno con meno prodotti rispetto a gennaio, mese in cui ho fatto l'inventario di quanto in mio possesso.
L'idea è quella di non sforare il budget a mia disposizione e di avere in generale meno prodotti nei cassetti.
Vediamo ora cosa si è aggiunto alle mie stuff. Inserirò sia prodotti acquistati da me, sia prodotti che mi sono stati regalati. Per praticità non inserirò i campioncini ma questi ultimi saranno conteggiati come "acquisizioni/stuff in".

Gennaio

PuroBio gel contorno occhi - acquistato perchè avevo terminato tutti i contorno occhi in mio possesso. A breve gli dedicherò qualche parola. (€ 13,50)
Equilibra Love's Nature Lip Gloss nel colore rosso ciliegia - questo me l'ha regalato la nonna e credo sia stato un omaggio trovato in una qualche rivista. Ancora non l'ho provato.


Angelica Nyqvist x Kaleiodos Makeup Club Nebula Palette - mi sbilancio e dico che questo è l'acquisto dell'anno. Questa palette occhi è una gemma e una piccola opera d'arte. Non riesco a trovarle un difetto, a parte che è un'edizione limitata. Qui la recensione. ($45)

Marzo

Dopo il nulla di febbraio, a marzo dopo mesi e mesi ho adottato un comportamento abituale in passato: acquistare cose perchè in saldo. 
A mia discolpa posso dire che tutti i prodotti in foto provengono dalla, ormai ex (sigh), bioprofumeria del mio paese che ha messo l'intero catalogo al 50% di sconto per chiusura attività.
Sono convinta che la Linda del 2019 sarebbe tornata a casa con il triplo della roba. Ho acquistato, principalmente, prodotti che a breve mi serviranno perchè le scorte nei cassetti sono limitate. Altri sono degli sfizi belli e buoni. 
Sapete cosa? Non condanno l'acquisto fatto per togliersi uno sfizio. L'importante è che non diventi la norma.
Biofficina Toscana emulsione viso antiossidante - adoro tutti i loro prodotti viso quindi ho voluto provare qualcosa di nuovo. (9€)
Biofficina Toscana siero viso rigenerante - in passato la mia pelle ha amato la versione antiossidante, vediamo se anche questo sarà all'altezza del predecessore. (7,50€)
Grasse Parfums nr. 28 - dupe del profumo Chloé è fresco e floreale e dura una vita. Questo è stato uno sfizio, amen. (6€) 
Biofficina Toscana contorno occhi anti-age - amato in passato, qui trovate la recensione. Acquistato come sostituto del contorno occhi PuroBio (8€).
Dr. Taffi gocce di eufrasia - in passato lo avevo adorato e quindi mi sono lasciata tentare nuovamente. (5€).
Lamazuna dentifricio solido menta piperita - acquistato per pura curiosità. Abbraccio la filosofia della cosmesi solida, vi farò sapere. (4€)

Vi lascio una foto bonus su alcuni infusi acquistati durante la medesima gita. Non fanno parte di alcun progetto, sono semplicemente una fan e mi va di condividerli con voi.

Yogi Tea Menta Lime: pazzesco. Si sentono distintamente sia la menta che il lime. Rimane fresco e frizzante.
Yogi Tea Entusiasmo ed Allegria: questo è a base di erbe con basilico, scorza d'arancia e peperoncino. Vi dirò, mi ha un po' delusa. Il sapore complessivamente è buono ma distinguo poco i vari ingredienti e mi aspettavo un quid maggiore vista la presenza del peperoncino. Non è per nulla piccante quindi potrebbe piacere a molti.
Yogi Tea Liquirizia: infuso a base di spezie con liquirizia, scorza d'arancia e cardamomo. Qui si che ci siamo! E' esattamente ciò che si propone di essere quindi deve piacervi la liquirizia. Io lo trovo avvolgente, perfetto quando fuori piove.
Pukka mela selvaggia e cannella: io sono una grande fan della cannella. Questo infuso è pungente al punto giusto, una piacevole scoperta.

Per questo primo trimestre è tutto. Ad oggi non ho ancora acquistato nulla, go me!
Voi invece? Vi siete concessi qualche sfizio? Cosa avete aggiunto di recente ai vostri cassetti? Fatemi sapere tutto nei commenti!

martedì 13 aprile 2021

Club Nebula Palette Angelica Nyqvist x Kaleidos | Review

Considero un piccolo privilegio scrivere questa recensione.
Sì perchè la palette in questione è andata sold out in brevissimo tempo già in due occasioni MA il 14/15 aprile (a seconda del fuso orario di riferimento) è previsto il terzo ed ultimo restock. Vi lascio alla pagina Instagram del brand per tutti i dettagli.

Se mi leggete da un po', il nome Angelica Nyqvist vi suonerà certamente famigliare. Se siete amanti dei trucchi colorati allora probabilmente già conoscete questo grande talento. Angelica è una youtuber svedese ed è una gemma rara nel regno dell'internet. Il suo talento nel realizzare makeup colorati e il suo occhio per gli abbinamenti sono eccezionali. Adoro come parla di questo mondo, adoro i suoi esperimenti, mi fido delle sue raccomandazioni. 
Date le premesse, non potevo non acquistare la palette occhi Club Nebula realizzata in collaborazione con il marchio Kaleidos Makeup
Kaleidos è un brand con sede a Shanghai che nel tempo si è costruito una solida reputazione nel panorama dell'indie makeup grazie color story originali e ottima qualità delle polveri. 
Da questa collaborazione ha preso vita questa meraviglia:


Tenendo fede alla sua estetica e ai suoi gusti in fatto di makeup, Angelica ha creato una palette con 15 cialde una più spettacolare dell'altra. Troviamo un buon mix di colori caldi e colori freddi declinati in tonalità ricche e misteriose, vibranti neon e delicati shimmer pastello. I finish sono matte, duochrome e multichrome.

Trovo la color story geniale. Non ho mai visto nulla del genere prima d'ora, quindi complimenti ad Angie e a Kaleidos per l'originalità. I colori scelti sono perfetti, le possibilità sono infinite. Ritengo questa palette completa e magnifica per essere utilizzata da sola. Ma i matte, il vero punto di forza a mio avviso, si prestano per essere abbinati con altro già in nostro possesso.
Vi lascio qualche swatches in diverse condizioni di luce ma le foto non rendono giustizia, soprattutto per i duochromes che sembrano piatti e semplicemente una massa confusa di brillantini. Sugli occhi il risultato finale è molto ma molto migliore.

Da sinistra a destra:
- Red Giant: rosso scuro opaco
- Nebula: duochrome rosegold con riflessi rossi e rame
- Samus: pesca opaco
- Nova: duochrome blu ametista con riflesso viola
- Celestial: uno dei multichrome della palette. Troviamo del rosa, del fucsia, dell'oro e del giallo. Meraviglioso. A seconda della luce sembra che abbiate tre ombretti diversi sulla palpebra.
- Cylon: prugna scuro opaco
- Rockhopper: grigio viola opaco
- Astro: altro multichrome. Qui troviamo blu, viola e teal. Pazzesco abbinato a Void e a Firefly.
- Naaru: taupe opaco
- You're my onle hope: duochrome lavanda con riflesso blu
- Void: blu marino opaco (uno dei miei preferiti)
- Queen of blades: verde scuro teal opaco
- Gravity: verde chartreuse opaco ( mio colore preferito della palette)
- 7 of 9: azzurro opaco
- Firefly: duochrome verde mente con riflessi rosa




Non avevo mai provato gli ombretti Kaleidos ma ora capisco e giustifico la loro fama. Le polveri sono di una qualità eccellente, specialmente gli opachi. Nonostante siano dei colori così saturi e così pieni si sfumano da soli. Non lasciano macchia, si riescono a stratificare e si possono combinare tranquillamente tra di loro. La pigmentazione è incredibile, non sono polverosi e non riscontro alcun kick-up quando prelevo l'ombretto dalla cialda con il pennello.
Per mio gusto personale gli opachi sono i miei preferiti delle palette ma anche le altre cialde non scherzano. Sono tutti duochrome, a parte Celestial e Astro che sono i miei primi multichrome. Ma ciò che li rende interessanti ed unici è il fatto che risultano diversi a seconda di come li utilizzate. Ecco perchè le possibilità sono molteplici. Prendiamo, ad esempio, Astro, l'ombretto al centro della palette. Visto così è un blu con riflessi viola e teal. Usato semplicemente su un primer trasparente rimane tale, ma se stratificato sopra una base colorata (blu o nera) vi tirerà fuori dei riflessi pazzeschi facendo sembrare il vostro trucco molto più elaborato e tridimensionale. 
Tutti e dico tutti gli ombretti non mi sono mai finiti nelle pieghe. Per i matte utilizzo un primer "normale" mentre per i duochrome, vista la loro particolare natura, utilizzo il glitter primer di Nyx che mi permette di ridurre il fallout e di rendere i colori ancora più vibranti.

Io ho ordinato la palette il 19 gennaio, durante il primissimo lancio sul sito di Kaleidos. Il prezzo è di 45$ al quale dovete aggiungere 8$ di spese di trasporto (la spedizione è gratuita per ordini da 100$). Dovendo arrivare in Italia dalla Cina ho aspettato circa un mese e infatti ho ricevuto la palette il 15 febbraio. Personalmente non ho pagato alcuna spesa doganale. 
L'esperienza di acquisto sul sito di Kaleidos è stata molto positiva, il checkout è filato liscio e gli aggiornamenti in merito al tracking del mio pacco sono sempre stati puntuali.
La palette è arrivata in ottime condizioni e in questa adorabile confezione:


Insomma, se non si fosse capito sono contentissima di avere acquistato questa palette. Ho aggiunto alla mia collezione un prodotto originale e di ottima qualità. Inoltre mi sono tolta lo sfizio di testare Kaleidos, uno dei marchi che volevo provare quest'anno
Altra informazione, come tutti i prodotti del brand, la palette è cruelty free e, in questo caso, vegana.
Se vi piacciono le tonalità opache scure e ricche, se volete giocare con duochromes e multichromes e con texture diverse, se volete un accostamento di colori originale e ombretti di ottima qualità, fate un serio pensiero su questa palette. Non vi dirò mai, correte perchè vi serve assolutamente. No, quei tempi sono finiti. Però, se le premesse di cui sopra vi intrigano e se potete permettervelo, questo si rivelerà un ottimo acquisto.

Ma ora ditemi. Conoscete e seguite Angelica sui social? Avete già provato i prodotti Kaleidos? Vi interessa questa palette? Fatemi sapere tutto nei commenti!
 

lunedì 8 marzo 2021

Shop My Stash | Gennaio & Febbraio 2021

 I primi due mesi dell'anno sono stati produttivi in ambito makeup e mi hanno permesso di riscoprire piccole gemme già in mio possesso.
Scopo del post di oggi è infatti mostrarvi quali sono stati i prodotti già presenti nella mia collezione che hanno abbellito la mia faccia.

Attenzione: essendo uno shop my stash ho inserito prodotti che non si trovano più in commercio in quanto edizioni limitate. Il mercato è saturo di trucchi e sono convinta che là fuori ci sia già un'alternativa nel caso vi interessi qualcosa.
Inoltre in foto non ho inserito un ombretto in crema in quanto il marchio non è cruelty free e non voglio fare "pubblicità" gratuita. Vi basti sapere che è un ombretto in crema verde dorato che ho usato da solo o come base.



PuroBio Compact Foundation: questo prodotto è in mio possesso da tanto tempo e non lo avevo mai utilizzato. Ho intenzione di dedicargli una recensione apposita, mi serve ancora un po' di tempo per capirlo.
Blush Tribe The Hasina 2: purtroppo questa meravigliosa palette non si trova più in commercio perchè il brand è stato smantellato lo scorso anno. Ad oggi questa è la color story più originale in mio possesso. Gli ombretti si lavorano alla perfezione, matte o shimmer non fa differenza. Ho sfruttato tantissimo i viola shimmer nella prima colonna, il rosa matte e il verde oliva scuro matte nell'ultima colonna.
Kiko Moon Shadow 05: lui faceva parte di una vecchia (ma vecchia) edizione limitata. Sono passati gli anni ma è performante come all'inizio quindi non vedo perchè dovrei cestinarlo. Si tratta di un ombretto cremoso che appena applicato regala alla palpebra una sensazione di freschezza. Il colore è un marrone molto scuro con dei glitterini dorati. Perfetto per l'inverno in quando avvolgente e misterioso.
Bottega Verde Matita Eyeliner con Vitamina E: anche lei credo sia andata fuori produzione. Sono anni che voglio smaltire questa matita, a questo punto è appurata l'autorigenerazione notturna. E' una matita marrone nocciola molto morbida che utilizzo principalmente come eyeliner. Devo necessariamente applicarla sopra qualcosa, che sia l'ombretto in crema citato sopra o un ombretto in polvere, altrimenti sparisce nel giro di poco.
Alverde Blush Flamingo: passa il tempo ma non il mio amore per questo blush che trovo perfetto per la stagione fredda. Qui potete trovare la recensione completa.
Essence Merry Berry Highlighter: ma il pattern con le stelline quanto è delizioso? Edizione limitata di qualche natale fa, è il classico illuminante champagne. Non è troppo intenso quindi lo utilizzo senza problemi durante il giorno.

Alcuni prodotti sono vecchi? Si. 
Ho intenzione di continuare ad utilizzarli perché non hanno cambiato odore e consistenza e perché fanno ancora il loro dovere egregiamente? Si anche in questo caso.

Ma ora tocca a voi. Quali prodotti avete ripescato dai vostri cassetti ultimamente? Anche voi utilizzate prodotti vecchiotti senza formalizzarvi troppo sul PAO?
Fatemi sapere tutto nei commenti!

giovedì 18 febbraio 2021

Delidea Bio Siero Viso Illuminante | Review

 I sieri viso sono la mia categoria di skincare preferita. Questa tipologia di prodotto risponde perfettamente alle esigenze della mia pelle mista in quanto mi fornisce sempre il giusto grado di idratazione. 
L'ultimo testato è del marchio Delidea Bio e nella fattispecie è il Siero Viso Illuminante

Partiamo dalla descrizione del prodotto: siero viso illuminante con stella alpina e ribes. Delidea ce lo definisce anche come indicato per contrastare l'iperpigmentazione cutanea.
Sono proprio gli estratti contenuti al suo interno che dovrebbero garantire alla pelle un aspetto più tonico e luminoso, andandola a nutrire e a favorire il rinnovamento delle cellule.
Ho notato l'effetto illuminante? Oh si! La pelle risulta subito più bella, levigata e illuminata già dopo l'assorbimento del prodotto. Applicazione dopo applicazione ho notato anche maggiore compattezza.
La consistenza del prodotto è quella riscontrata anche in altri sieri, su tutti quello di Biofficina Toscana: leggera e gelatinosa.


L'assorbimento è davvero ultra rapido però non a discapito dell'idratazione. Mi ripeto, lo so, ma la mia pelle non ha bisogno di tanto e questo prodotto risponde perfettamente alla mie esigenze. La pelle è idratata per tutto il giorno e anche con le temperature rigide delle scorse settimane non ho riscontrato alcun problema.
Lo vedo un prodotto davvero adatto a tutte le stagioni, anche con il caldo torrido dell'estate. 
Se però non avete una pelle misto/grassa vi consiglio di applicare un ulteriore strato di crema idratante perchè temo che lui da solo non sia sufficiente.
Il fatto poi che si assorba così velocemente lo rende perfettamente compatibile con il trucco che vado ad applicare poco dopo. 
Il marchio ci informa che il prodotto è ottimale per contrastare le macchie delle pelle. Non posso darvi riscontro in merito perchè non è una situazione che mi riguarda. Guardando però delle recensioni su Eccoverde, ho letto pareri contrastanti. Alcune persone non hanno notato cambiamenti, altre invece hanno notato un effetto schiarente. 
La profumazione, credo per la presenza del ribes, è leggermente pungente. Una sensazione olfattiva simile l'ho provata con la crema corpo Mossa, marchio che utilizza le bacche nordiche.
Ultimo aspetto che vorrei toccare è quello della confezione. Il prodotto è contenuto in una boccetta di vetro opaco ed è dotato di applicatore contagocce.


Ideale e funzionale direte voi. In linea teorica si, trovo questo tipo di applicatore molto pratico ed appropriato per un siero. In questo caso però non riesco a prelevare una quantità di prodotto omogenea. Premo sul tappino e il siero non fuoriesce sempre allo stesso modo. A volte è sufficiente, molte volte ho bisogno di premere una seconda volta. 
Niente di sconvolgente ma voglio essere precisa fino in fondo.

Passando ai dati tecnici vi dico che all'interno troviamo 30 ml di prodotto, il PAO è di 12 mesi, al suo interno sono contenuti ingredienti naturali e biologici, è nickel tested e lo possiamo trovare anche nella grande distribuzione. Io infatti l'ho acquistato da Tigotà a poco meno di 12 euro.

Per concludere, con questo siero sto avendo una piacevolissima esperienza. Noto la pelle luminosa e rimpolpata e idratata perfettamente per quelle che sono le mie necessità.

Voi avete provato questo prodotto? Quali sono i sieri che avete apprezzato di più?
Fatemi sapere tutto nei commenti!

martedì 2 febbraio 2021

Prodotti finiti #22

 Solitamente i post sui prodotti terminati piacciono sempre parecchio. Anche da lettrice li trovo utili e gradevoli.  
Le confezioni vuote in questione risalgono ancora al vecchio anno quindi, per intenderci, non finiscono nel progetto my year of less stuff.


Tanti campioncini come di consueto ma cerchiamo di andare con ordine. Vi anticipo comunque che su questi lidi di campioncini ne vedremo ancora tanti e per tanto tempo.


Gyada Cosmetics balsamo rinforzante alla spirulina: mi è piaciuto molto. Nutriente e districante, ve ne parlo meglio in questo post.
Alverde Bio-Mandel & Bio-Argan shampoo: uno dei miei preferiti in assoluto. Questa sarà la quarta confezione che termino. Purtroppo ho finito le scorte e il DM più vicino è a Bologna. Non è un gran periodo per gli spostamenti ma farò scorta non appena potrò. 
Lavera Feuchtigkeit & Pflege Shampoo: una piacevole conferma come tutti gli shampoo del marchio provati nel corso degli anni. Qui per saperne di più.
Kamelì scrub corpo con sali del Mar Morto: ha fatto egregiamente il suo dovere. Consigliato se avete una pelle delicata che necessita di idratazione. Per saperne di più cliccate qui.


Naturaequa balsamo litsea superammorbidente: carino, niente di più. Si i capelli erano morbidi e districati ma non mi ha invogliato a fare un pensiero sulla full size.
Alkemilla maschera ristrutturante fragola & panna: ovviamente devo partire dalla profumazione divina di questa maschera. Invoglia all'assaggio, non scherzo. Il prodotto in sè è meraviglioso: capelli super nutriti, morbidi e districati.
Biofficina Toscana balsamo senza risciacquo: la profumazione era meravigliosa ma mi fermo qui. Purtroppo con i prodotti capelli di Biofficina non vado d'accordo e continuo a preferire i classici balsami con risciacquo.
Biofficina Toscana crema capelli ristrutturante: profumazione da dieci e lode anche in questo caso. Con questo prodotto non mi sono trovata male come mio solito ma ho paura che l'uso prolungato mi appesantisca i capelli.
L'Occitane 5 essential oils repairing shampoo: pessimo. Non ho altro da aggiungere.
Phitofilos shampoo lavaggi frequenti con aloe vera: dopo il suo utilizzo avevo la sensazione di cute non pulita in profondità, peccato.


PuraVida Bio crema idratante effetto mat: di questa voglio la full size. Ho amato tutto di questa crema: idratazione perfetta per una pelle mista, effetto mat per davvero, profumazione delicata. Un grosso si!
Dr. Organic virgin olive oil day cream: come prevedibile, troppo corposa e pesante per la mia pelle mista.
Aquaria Thermal Cosmetics siero ricompattante: un buon prodotto che mi hanno omaggiato alle terme di Sirmione sicuramente più di un anno fa.
Mossa vitamin cocktail intense rehydratrion energising day cream: non male ma non acquisterei la full size.
Deborah Milano trio di ombretti in Gold Fever: lo cestino sia perchè non lo utilizzo mai, sia perchè è molto vecchio. Gli ombretti, se così possiamo denominarli, sono dei semplici brillantini sugli occhi. Non apporta nulla di entusiasmante alla mia collezione quindi addio. 

Ancora una volta l'utilizzo di campioncini mi ha permesso di scoprire prodotti validi per le mie esigenze, avanti così!

Voi invece cosa avete terminato ultimamente? Fatemi sapere tutto nei commenti!




                                                              

domenica 24 gennaio 2021

Brand che voglio provare nel 2021

Questo post è una sorta di wishlist. Utilizzando questo format non ho mai scritto nulla di simile ma, di fatto, oggi vi svelo i brand che sono da tempo nella mia lista dei desideri e che mi piacerebbe testare per la prima volta. 
brands I want to try in 2021

L'elenco che seguirà è stato fatto con criterio. Se avete letto il post precedente, saprete già che ho un budget mensile a disposizione e che vorrei terminare l'anno con meno cose. Penso che quanto scritto, numeri ed euri alla mano, possa essere realistico.
Ecco dunque i marchi che mi piacerebbe provare nel 2021 e perchè. 

OLE HENRIKSEN
L'unico marchio di skincare che vedrete in questo post. 
Ne ho sentito parlare spesso, su Sephora vedo sempre tante stelline sotto i loro prodotti e visto che dovrò fare rifornimento di scrub e maschere viso vorrei togliermi lo sfizio ed acquistare qualche loro prodotto (magari beneficiando di un 20%). In particolar modo è la linea Balance con il suo scrub viso ad attrarmi maggiormente. 

KALEIDOS
Kaleidos è un brand che spopola tra i miei feed su Youtube. Tutti ne esaltano la qualità e l'originalità. Lo scorso anno il marchio ha ampliato la propria gamma e prodotti viso e labbra si sono aggiunti agli ombretti. Ovviamente sono a questi ultimi che volgerò il mio portafogli. Le color story delle loro palette mi fanno tutte, e dico tutte, impazzire. Da quanto vedo e sento la pigmentazione è pazzesca ma non a discapito della sfumabilità.

JUVIA'S PLACE
Juvia's Place è oggi un nome di prestigio all'interno della beauty community. Anche loro hanno ampliato la gamma prodotti e offrono una full face completa. Ancora una volta sono gli ombretti ad attrarmi, in modo particolare le palette da 6. Dovrebbero aprire a breve uno store europeo, solitamente hanno sempre degli sconti interessanti e si possono utilizzare codici per ulteriori riduzioni.

CLIONADH
Sento nominare questo indie brand canadese e immediatamente mi vengono in mente i loro meravigliosi ombretti multichrome. Le loro formulazioni rappresenterebbero indubbiamente una novità nella mia collezione, motivo per cui mi piacerebbe provare qualche loro prodotto.

SIDNEY GRACE
Altro brand indipendente che spessissimo vedo nominare da Temptalia. E proprio con Christine il brand ha annunciato una collaborazione. La qualità di Sidney Grace è osannata da più parti. Sono anni che leggo di trucchi su Temptalia e quindi questa collaborazione capita proprio nel momento giusto.

WE MAKEUP
Unico marchio italiano, molto famoso per i suoi ombretti singoli. Non nego che questi mi attirino ma se troviamo il brand in questa lista è per il loro More Mascara. Anche i loro lipgloss sembrano molto promettenti ma investire in prodotti labbra non mi sembra il caso primo perchè ho una collezione a tre cifre e secondo perchè, se esco, indosso sempre la mascherina.

A parte Ole Henriksen, noto con piacere che gli altri sono tutti indie brand. Potendo scegliere, sono contenta che i miei soldini vadano a realtà più piccole, molto spesso gestite a livello famigliare. 
Ovviamente sono tutti marchi cruelty free.

Ora tocca a voi! Avete anche voi dei marchi che vorreste provare per la prima volta? Fatemi sapere tutto nei commenti.

venerdì 15 gennaio 2021

Un anno di no buy e nuovi progetti per il 2021

 Amiche e amici buon anno! Perdonate la lunga assenza ma questo è un periodo un pochino movimentato.

Nel primo post del 2021 vorrei fare qualche riflessione a voce alta con voi sul progetto che mi ha tenuto compagnia lo scorso anno e sui buoni propositi per i prossimi 365 giorni.

Andiamo con ordine. Il 2020 è stato un anno di no buy per me. In questo post vi spiego motivazione e regole quindi non mi vorrei dilungare troppo ma come dice la parola stessa, l'obiettivo è quello di non acquistare nulla durante un certo arco temporale. Sono riuscita nel mio intento? Si, ci sono riuscita. In tutto il 2020 ho acquistato solamente 4 prodotti beauty, tutti sostituti di altrettanti prodotti terminati. Per i curiosi: un contorno occhi, uno scrub corpo, uno shampoo e un deodorante.                                                                                              All'inizio dell'avventura non sapevo proprio cosa aspettarmi, pensavo sicuramente a quanto complicato sarebbe stato. Vi assicuro invece che il tutto è trascorso in maniera indolore e ad un anno e passa di distanza posso affermare di aver modificato alcuni comportamenti/atteggiamenti.                                           Quali erano dunque le mie abitudini fino alla fine del 2019? Quali erano i miei punti deboli? Innanzitutto sconti e promozioni hanno da sempre esercitato un enorme fascino su di me. Con la scusa di un meno 20% finivo sempre per mettere nel carrello più cose del necessario. La conferma arriva dal fatto che in tutto un anno ho acquistato solo quattro prodotti. Il resto lo avevo già in casa. Scorte e back up che giacevano nei cassetti da tempo immemore. Valanghe di campioncini inutilizzati.                                                                                        Mettiamola un attimo sul piano dell'abbigliamento ma anche qui il concetto è simile. Bloccata in casa ne ho approfittato per mettere ordine nel mio armadio. Le frasi ricorrenti erano "ah, è vero che ho anche questo", "questo capo non l'ho mai indossato". Poi sono andata a vedere gli elementi presenti nelle mie wishlist personali di alcuni siti di abbigliamento. Tutti doppioni. Avevo già a disposizione quei capi marchiati con il cuoricino.                                                               Con i prodotti di makeup poi potremmo aprire un dibattito infinito. Quanti lip trio ho acquistato? Ma soprattutto perchè? Non mi servono tre rossetti nello stesso momento, così come non mi servono i kit dei Sephora Favourites. Così come i replacement possono aspettare se ho ancora prodotto all'interno. Tanto gli sconti ci sono sempre ed evitiamo di accumulare cose e privarci di spazio.

Il filo conduttore è, per dirla in inglese, wants vs needs. Questo anno di no buy mi ha davvero fatto capire la vera distinzione tra necessità e voglia. Non voglio essere presuntuosa e dire che le mie spending habits da qui in avanti saranno perfette. Probabilmente non sarò mai una persona minimalista. Sono in cammino ma qualcosa è scattato nel mio cervello. Prima di premere il tasto "acquista" la domanda che mi faccio è: questo prodotto (di beauty, di makeup, di abbigliamento) rappresenta qualcosa di necessario in questo esatto momento? Apporta qualcosa di nuovo e unico all'interno della mia collezione? 

Lo scorso anno, con il "divieto assoluto" di acquisto è stato facile. Ma ora? Manterrò un comportamento virtuoso e intelligente o le abitudini passate torneranno a farmi visita? Spero vogliate seguirmi in questo nuovo cammino. In questo 2021 vorrei prendere parte a due progetti. Uno è un budget year e l'altro un year of less stuff. Musa ispiratrice di entrambi è la splendida Hannah Louise Poston (alla quale vi rimando per riflessioni di qualità sopraffina). 

Fonte


Budget year: avrò a disposizione un budget mensile per i miei acquisti di beauty e makeup. Per le mie esigenze il tetto sarà di 40€/mese. Gli eventuali euri non spesi saranno aggiunti ai 40 del mese successivo. Dunque potrò scegliere se e cosa acquistare. Qui davvero metterò alla prova gli insegnamenti del mio no buy year. Ho deciso però di continuare sulla linea del no buy per abbigliamento e accessori. Davvero qui non ho bisogno di nulla.

My year of less stuff: ad inizio anno ho fatto l'inventario di tutto il makeup e di tutti i prodotti beauty in mio possesso al 31/12/2020. L'obiettivo è quello di arrivare alla fine dell'anno con meno prodotti rispetto all'inizio. Ho deciso di tenere separate le due categorie e ovviamente vi farò sapere strada facendo, diciamo un aggiornamento trimestrale. 

Direi di avere scritto anche troppo. In sintesi sono molto contenta della scelta fatta a fine 2019, mi ha permesso di crescere, maturare e riflettere. Sono curiosa anche dei due nuovi progetti.

Voi avete mai fatto un anno di no buy? Quali sono le vostre buone intenzioni per questo nuovo anno? Fatemi sapere tutto nei commenti!