domenica 8 aprile 2018

Anastasia Beverly Hills Mini Liquid Lipstick Set | Review

Circa un anno fa i rossetti liquidi in mio possesso si contavano sulle dita di una mano. Ora potrei tranquillamente riempire una trousse. Da zero a venti il passo è stato breve.
Avendone tanti e di svariate marche, ho maturato una certa esperienza e oggi vi parlerò di una delle migliori formule in assoluto.
Ho acquistato il Mini Liquid Lipstick Set di Anastasia Beverly Hills su quel piccolo grande paradiso che è Beauty Bay lo scorso novembre in occasione del black friday. Il set contiene tre rossetti liquidi nelle tonalità Dazed, Bittersweet e Hudson in formato mini.

Esternamente troviamo un cartoncino rosa e nero contenente tutte le informazioni tecniche. Quest'ultimo si sfila a libro e all'interno di una cornice nera troviamo i tre rossetti liquidi.

Il packaging vero e proprio è elegante, a mio avviso. Il tappo specchiato sulla sommità porta il logo della casa cosmetica, il cui nome viene ripreso anche sul corpo della confezione. Sul fondo, un adesivo riporta il nome della colorazione insieme ad altre informazioni tecniche.
L'applicatore è delle giuste dimensioni, piatto e con la punta rotonda. Trovo che questa sua forma sia molto pratica durante l'applicazione. Io che non brillo certamente di precisione non ho mai avuto problemi. Inoltre preleva sempre la giusta quantità di prodotto e riesco a riempire completamente le labbra senza doverlo intingere una seconda volta. Va detto però che ho le labbra sottili.
Da sx Dazed, Bittersweet e Hudson
Passiamo alla parte più succulenta della recensione, ovvero alle colorazioni.
Hudson viene descritto come un color pesca profondo. Onestamente di pesca ci vedo ben poco, lo trovo più un marroncino a sottotono caldo.
Dazed è un colore difficile da descrivere: un mix di prugna e rosso profondo, molto elegante e molto autunnale a mio avviso. Dei tre è indubbiamente il mio preferito.
Bittersweet è un marrone scuro profondo, Anastasia lo definisce un Swiss chocolate che trovo sia una descrizione azzeccata.
Nella prima foto le colorazioni erano appena state applicate, nella seconda le trovate da asciutte.
Hudson, Dazed, Bittersweet

I tempi di asciugatura sono rapidi, si parla di una ventina di secondi.
La texture è per tutti e tre cremosa e tutti sono iper pigmentati da subito con finish palesemente opaco.
La durata è ottima per tutte le colorazioni. Ho notato però che Hudson, la colorazione più chiara, tende a reggere di meno nella parte centrale del labbro inferiore. Dazed e Bittersweet in quanto a durata sono fenomenali. Li ho testati con pasti oleosi e zuppe bollenti e si sono comportati egregiamente. A livello di lasting power sono i migliori tra tutti quelli che ho.
Un altro aspetto da non sottovalutare è la confortevolezza. Pur essendo super opachi e super duraturi li ritengo parecchio confortevoli anche superate le cinque ore. Ah, non si sgretolano e non creano nemmeno quella poco piacevole crosticina al centro delle labbra. Avete presente?
Personalmente non ho mai la sensazione di labbra che tirano o la voglia di rimuoverli causa secchezza. 

Ho realizzato qualche swatches comparativo ma nulla di quello che ho in casa si avvicina alle colorazioni di Anastasia.
Anastasia Dazed, Kat Von D Lolita, Kat Von D Lolita II, Nyx Lingerie Exotic
Lolita è più scuro e più freddo, Lolita II vira molto di più sul pesca mentre Exotic è un rosso mattone
Anastasia Bittersweet, Kat Von D Plath
Dal tubetto Bittersweet e Plath sembrano identici mentre una volta stesi, Plath risulta essere molto più chiaro e con molto più rosso all'interno.
Anastasia Dazed, Jeffree Star Androginy, Wycon Sangria
Giuro che viste nelle rispettive confezioni c'era qualche sentore di somiglianza. Anche in questo caso siamo su pianeti completamente diversi.
Androginy è freddo e con una punta di grigio malva. Sangria lo dice il nome stesso, è molto più fucsia e acceso rispetto a Dazed.

Come vi accennavo, ho acquistato il mini set su Beauty Bay, dove al momento risulta out of stock, ad un prezzo di € 29. All'interno di ogni rossetto liquido troviamo 2,3 g di prodotto. 
Le regular size contengono invece 3.2 grammi per un costo di € 22,50. Tutte e tre le colorazioni fanno parte della linea permanente.
Come tutte le referenze del brand, anche questa è cruelty free.

Il set è stato una piacevolissima scoperta. Sono i primi prodotti di Anastasia che provo e la qualità è alta.
All'interno della mia personale collezione di rossetti liquidi, questi spiccano per durata e confortevolezza.

Conoscevate questo set? Avete mai provato i rossetti liquidi di Anastasia? Qual è il vostro rossetto liquido preferito? Fatemi sapere tutto nei commenti!


sabato 10 marzo 2018

Nabla Dreamy Eyeshadow Palette | Review, Swatches e Comparazioni

L'ennesima recensione sulla Dreamy Eyeshadow Palette di Nabla? Si ragazze mie, oggi vi sorbirete il mio sproloquio sulla prima palette di ombretti firmata Nabla Cosmetics.
La palette ha debuttato per la prima volta sul mercato lo scorso anno, credo ad ottobre. E' andata praticamente subito sold out ovunque e solo recentemente è tornata di nuovo disponibile. 
La mia esperienza di utilizzo è di un arco temporale di circa cinque mesi dato che l'ho acquistata appena uscita. Mi piace? Tantissimo. La consiglierei? Assolutamente si. Avrei cambiato qualcosa se fossi CEO Nabla? Si, solo un cambiamento. E ora vi illustro tutto, a cominciare come sempre dal packaging, passando per gli swatches fino ad arrivare ad alcune comparazioni.

La Dreamy Eyeshadow è una palette di forma quadrata, in cartone robusto e compatta. Il colore di base è il nero, impreziosito da stelle, lune e costellazioni che ben esprimono il concetto di dreamy. La palette vera e propria è contenuta in una custodia di cartone con lo stesso tema. 
La chiusura è magnetica e una volta aperta ci troviamo di fronte a dodici tonalità spettacolari e un grande specchio, molto comodo. Troviamo anche un foglio di plastica a protezione delle cialde.
Dodici ombretti inediti dicevamo suddivisi in tre differenti formulazioni: la Super Matte (5 cialde) che già la si era apprezzata negli ombretti singoli e le nuove Fluid Metal (6 cialde) e Just Pearl, l'unica delusione ma ci arriveremo.
Prevalgono le tonalità calde ma abbiamo anche qualche accenno di freddo grazie a Delirium, Inception, Lullaby e Dogma. Un grandissimo pregio di questa palette è che tutte ma tutte le tonalità si sposano bene tra di loro. 
Appena viste le immagini di anteprima ho pensato che non ci fosse un singolo colore che non avrei utilizzato. Ho molto apprezzato la scelta cromatica che, viste le ultime uscite, non è nulla di così innovativo ma è in linea con il mercato attuale. Passiamo agli swatches e alle singole colorazioni.
Da sx: Immaculate, Illusion, Vanitas, Delirium, Byzantine, Sistina, Metal Cupid, Inception, Senorita, Rose Gold, Lullaby, Dogma
La prima fila è composta da Immaculate (fluid metal), Illusion (super matte), Vanitas (fluid metal) e Delirium (just pearl)
Immaculate è l'illuminante della palette e ci viene descritte come un duochrome bianco/oro. E' bellissimo all'angolo interno dell'occhio e anche applicato con mano leggera sugli zigomi.
Illusion è l'ombretto che non può mai mancare, essendo un marroncino neutro è perfetto nella piega per aiutare a sfumare qualsiasi altra colorazione.
Vanitas è un mix tra rosa, oro e pesca ed il colore perfetto per gli halo-eyes. Dona tantissima luce e trovo che stia bene su tutti.
Delirium è l'unica nota dolente della palette. Il colore in sé è stupendo, un viola marrone con sparkles come li chiama Nabla viola blu e fucsia. Peccato che la texture sia spessa e grossolana. Quando lo applicate l'ombretto si sgretola, è poco pigmentano e crea delle chiazze. E' impossibile da sfumare e da applicare con un pennello. Si salva leggermente se applicato con le dita su una base appiccicosa. Fail più totale.
Dal basso: Immaculate, Illusion, Vanitas, Delirium




La seconda fila contiene due delle tonalità che più preferisco: Byzantine (fluid metal), Sistina (super matte), Metal Cupid e Inception (fluid metal).
Byzantine è oro puro, non c'è altro modo per descriverlo.
Sistina è una delle mie tonalità preferite. Personalmente non avevo ancora trovato una colorazione simile. La adoro dovunque! Nella piega, su tutta palpebra, non c'è il rischio di sbagliare. Nabla la descrive come un terra di siena rosato di media intensità.
Metal Cupid è pazzesco, un bronzo fragola come lo definisce il brand. Anche questo come punto luce da halo-eye è tanta roba.
Inception è l'altra tonalità che preferisco della fila. Di base è un malva marrocinno pieno di riflessi. Lo adoro per il suo essere freddo.
Dal basso: Byzantine, Sistina, Metal Cupid, Inception


Non ci rimane che l'ultima fila: Señorita (super matte), Rose Gold (fluid metal), Lullaby e Dogma (super matte)
Señorita è una delle tonalità più belle. E' un rosso fragola abbastanza freddo che adoro utilizzare con Vanitas e Sistina per realizzare uno halo-eye che tanto mi piace.
Rose Gold parla da solo.
Lullaby è una tonalità che personalmente apprezzo tantissimo. Il malva mi piace amiche, sugli occhi e sulle labbra. Potrà sembrare banale e smorta, io la trovo molto grunge e mi piace abbinarla ad Inception.
Dogma è anche lei una colorazione che di diritto deve essere presente in ogni palette occhi che si rispetti. Un marrone intenso vi ritornerà utile per mille motivi.
Dal basso: Senorita, Rose Gold, Lullaby, Dogma


Ad eccezione di Delirium, tutti gli altri ombretti sono molto pigmentati e si sfumano che è una meraviglia. La pigmentazione e la sfumabilità dei super matte è commovente. I Fluid Metal hanno invece una texture burrosa e il rilascio di colore lo vedete da voi. Sembrano realmente metallo fuso.
Con un buon primer la durata è molto alta.
Peccato davvero per Delirium, un ombretto uscito davvero male. Non solo io ho avuto pareri negativi su questa tonalità, c'è proprio qualcosa da rivedere nella formulazione dei Just Pearl. Come vi accennavo all'inizio, fossi stato il CEO, avrei alzato la mano prima di mandare in produzione la palette e avrei tolto questa tonalità inserendo al suo posto un colore chiaro completamente opaco. Perché davvero con un opaco chiaro questa palette sarebbe stata la perfezione assoluta.

Ho fatto alcune comparazioni con gli ombretti singoli di Nabla in mio possesso e con la Cocoa Blend di Zoeva. Vediamo cosa ne è saltato fuori.
Da sx: Narciso, Circle, Fahrenheit Nabla


 Da sx: Pure Ganache, Delicate Acidity, Warm Notes Zoeva Cocoa Blend Palette

Señorita e Fahrenheit: questa seconda tonalità rimane più scura e meno fragola

Da sx: Senorita - Fahrenheit
Illusion e Narciso: il primo è molto più opaco e più scuro. Narciso è più sul nocciola chiaro.
Da sx: Illusion - Narciso
Lullaby e Circle: la differenza di texture in questa comparazione è evidente e questo vi dovrebbe dare idea di quanto pigmentati siano i super matte. Entrambe sono malva ma Circle mi sembra abbia più lilla.
Da sx; Lullaby - Circle
Byzantine e Pure Ganache di Zoeva sono identici a livello di colorazione e di intensità. Solo al tatto l'ombretto di Nabla è più morbido. 
Da sx; Byzantine Nabla - Pure Ganache Zoeva
Inception e Delicate Acidity si somigliano di più nella cialda. L'ombretto Zoeva è molto meno intenso, contiene del grigio e non è metallizzato.
Da sx: Inception Nabla - Delicate Acidity Zoeva
Metal Cupid e Warm Notes sono abbastanza simili come concetto ma Nabla batte Zoeva dieci a zero in quanto ad intensità e riflessi
Da sx: Metal Cupid Nabla - Warm Notes Zoeva
Solite informazioni tecniche prima di premere il tasto "pubblica".
La Dreamy Eyeshadow Palette è una palette made in Italy, cruelty free e vegana. Il suo prezzo è di € 35,90 per dodici tonalità. Può essere acquistata sia sul sito ufficiale del brand che nella bioprofumerie che rivendono il marchio, sia fisiche che online.

Se non si era capito, sto amando tantissimo questa palette. Le colorazioni sono state studiate e posizionate benissimo. Si abbinano bene l'una con l'altra.
Peccato davvero per Delirium, un ombretto che andrebbe rivisto completamente. Al suo posto ci avrei visto bene un colore opaco. A parte lui, adoro ogni singola tonalità. La qualità è molto molto alta ma Nabla ci aveva già abituate bene con le cialde sfuse. La pigmentazione e la sfumabilità ci sono tutte. E' una palette questa con la quale ho viaggiato. Mi sono portata solo lei e nient'altro e avevo tutto quello che serviva. Quindi si, la reputo una palette completa, dotata per di più di uno specchio utilissimo e di un packaging solido oltre che esteticamente delizioso.

E' un prodotto che mi sento veramente di consigliarvi. 
Voi l'avete provata?  Ci state facendo un pensierino ora che è ritornata disponibile? Se la utilizzate, la pensiamo allo stesso modo? 
Fatemi sapere tutto nei commenti!


domenica 25 febbraio 2018

Lavera Contorno Occhi Illuminante | Review

Dopo aver terminato ed amato profondamente il Contorno Occhi Antirughe di Biofficina Toscana sapevo che per il suo successore sarebbe stata dura reggere il confronto.
Sono venuta a conoscenza del Contorno Occhi Illuminante di Lavera tramite una youtuber tedesca che seguivo qualche tempo fa. Per dovere di cronaca, lei si chiama Jamina e a questo link trovate il suo canale.
Il prodotto in questione mi ha incuriosita terribilmente per il suo essere illuminante. E così, vagando tra gli scaffali di Natura Sì, me lo sono portato a casa.
Per quanto concerne il packaging, abbiamo il classico tubetto che caratterizza i contorno occhi. I colori predominanti sono il bianco e il fucsia. Il prodotto in origine aveva anche una confezione esterna di carta che ho cestinato in breve tempo e dunque non ricordo che tipo di informazioni contenesse a parte l'inci.
Svitando il tappo, la crema fuoriesce dalla punta sottile. Semplice no?
La consistenza della crema la definirei normale, non troppo fluida, non troppo densa. Il prodotto è caratterizzato da una colorazione madreperla. Nella formulazione infatti troviamo estratti di perla e caffeina biologica.
Parliamo appunto degli ingredienti che compongono il contorno occhi. 
L'estratto di perla dovrebbe idratare la pelle e garantire luminosità. Sul secondo punto assolutamente niente da dire, anzi. Come spero si potrà notare dalla foto più sotto, l'effetto illuminante c'è eccome. Anche troppo a mio avviso. Se ne stendete troppo, vi troverete la zona del contorno occhi eccessivamente bianca, perché le particelle riflettenti daranno l'effetto di tanti microbrillantini.
Onestamente molto artificiale e poi risulterà difficile applicarvi sopra fondotinta o correttore senza creare strani miscugli.
Applicando la giusta dose, la zona risulta realmente illuminata e di conseguenza lo sguardo sarà più sveglio. Però non me la sento comunque di applicarci sopra un correttore.
Primo perché ho paura che il risultato sia troppo posticcio, secondo perché il prodotto non si assorbe immediatamente. Purtroppo, come troppo spesso accade con i prodotti tedeschi, l'alcool è al terzo posto dell'inci dopo acqua e glicerina. Questo si traduce in una profumazione al mio naso alcolica e in una consistenza appiccicosa. Niente di eclatante, però tastando la zona sento che il prodotto deve ancora essere assorbito dalla pelle. Se con il contorno occhi Biofficina sentivo l'area estremamente morbida e levigata, qui la sento appiccicosa ma la vedo luminosa.
L'estratto di perla promette anche una funzione idratante. Uhm, diciamo che l'idratazione potrebbe essere molto meglio, quindi se avete un contorno secco, orientatevi su altro.
La caffeina bio invece dovrebbe avere un effetto tonificante e levigante. 
L'effetto levigante purtroppo non l'ho riscontrato mentre per quanto riguarda l'effetto tonificante, posso dirvi che l'ho constatato ma in maniera leggera.

Sto utilizzando questo prodotto da circa quattro mesi, solamente la sera per i motivi che vi ho elencato sopra e un aspetto positivo l'ho riscontrato. Quando mi sveglio la mattina, la zona del contorno occhi è più luminosa e riposata ma purtroppo siamo lontani dall'effetto idratante, tonificante e levigante ottenuto con quello Biofficina.
Le particelle di perla che riflettono la luce le trovo troppo e non utilizzerei mai questo prodotto come contorno occhi da giorno per l'effetto posticcio che donerebbe e per i tempi di completo assorbimento che si aggirano intorno ai trenta minuti.
Ho sfruttato, per poche volte a dire la verità, il suo potere illuminante per un utilizzo alternativo. Come base cremosa per gli illuminanti in polvere, specialmente il Mineral Glow di Physicians Formula.

Solite informazioni tecniche prima di concludere la recensione. All'interno del tubetto troviamo i classici 15 ml di prodotto ed è riportata una data di scadenza. Calcolate circa due anni. Lavera può essere acquistata nelle bioprofumerie, nei negozi Natura Sì e in numerosi online shop tra cui Eccoverde. Il costo si aggira sui 10 euro a seconda dei rivenditori.

Non è un prodotto che riacquisterò una volta terminato. Va bene l'effetto illuminante e riposato del giorno dopo ma da un prodotto specifico per il contorno occhi mi aspetto come prima cosa un effetto idratante e tonificante.

Conoscevate questo prodotto? Qual è il vostro contorno occhi del cuore?
Fatemi sapere tutto nei commenti!






domenica 11 febbraio 2018

Prodotti finiti #13


Cose ammassate sul pavimento in modo casuale. Sappiamo tutti vero di cosa andremo a parlare nel post di oggi? Vi sento in lontananza dire prodotti finiti, prodotti finiti...Esatto! Oggi si ciarlerà di tutto quello che ho terminato negli ultimi mesi. Mettetevi comode e cominciamo.
VISO
Lo struccante occhi delicato di Nivea non è un cattivo prodotto ma non è nemmeno il migliore della sua categoria. Va detto però che sugli occhi non mi ha causato alcun tipo di fastidio, quindi si, lo reputo delicato. Lo ricomprerò? No per il semplice fatto che vorrei avvicinarmi ad una routine completamente cruelty free. 
Il 2 Phasen Makeup Entferner di Alverde è un prodotto che conosco da anni e che ciclicamente ricompro. Il nome tedesco tanto inquietante sta a significare semplicemente struccante bifasico. Riesco ad utilizzarlo solamente sul viso in quanto sugli occhi mi crea un'odiosa patina e mi rimane la vista appannata per qualche minuto. Sensazione che evito volentieri. Per quanto riguarda il potere struccante sul viso, assolutamente nulla di dire. Rimuove tutto, compresi i rossetti liquidi senza problemi. L'unica accortezza è quella di risciacquarlo sempre perché tende a lasciare un residuo oleoso. Lo ricomprerò? Ho un'altra confezione che è a metà poi credo di dargli una pausa ma non escludo di riaverlo a casa in futuro.
Del Detergente Purificante ai Fiori di Limone di Maternatura ho parlato in questa recensione. Mi è piaciuto tantissimo, l'effetto purificante l'ho riscontrato per davvero. Lo riacquisterò? Si ma dopo essermi tolta altri sfizi.
Anche per l'Idrolato ai Fiori d'Arancio de La Saponaria ho speso tantissime parole d'amore. Il perché ve lo spiego in questo post. Lo riacquisterò? Assolutamente si ma anche in questo caso dopo aver provato qualche altro prodotto che mi interessa. 
Il Siero Antiossidante di Biofficina Toscana l'ho inserito in tutte le tipologie possibili di post sui prodotti preferiti. Se volete venire a conoscenza della nostra storia d'amore, vi invito a leggere queste parole. Lo riacquisterò? Ad occhi chiusi e probabilmente per il resto della vita. Ho intenzione di usarlo questa estate con la lozione viso illuminante del marchio.
Anche con la maschera viso Detox di Biogei il rapporto è stato molto più che positivo. Leggete qui per saperne di più ma vi anticipo che la pelle era davvero più pulita dopo il suo utilizzo. Inoltre ne ho adorato la consistenza e la sensazione sul viso. La riacquisterò? Dovessi trovarmela davanti, assolutamente si. 
CORPO & CAPELLI
Nutro ancora oggi sentimenti contrastanti per la Mousse Expert Ricci di Frank Provost. In passato avevo amato la spuma nella colorazione viola, questa verde ho trovato che definisse molto meno il riccio. La riacquisterò? No.
Il Latte Corpo Belle Cherie di Fragonard aveva una profumazione semplicemente divina se siete amanti delle fragranze floreali. Sul potere idratante credo si potesse fare qualcosina di più ma tutto sommato è stato un prodotto piacevole da utilizzare. Lo riacquisterò? Non credo, vorrei qualcosa che dia maggiore nutrimento alla mia pelle.
Bella scoperta per i miei capelli si è rivelato lo Shampoo Trattante e Ristrutturante di Lavera. Solitamente gli shampoo bio sono un po' un terno al lotto per i miei capelli. Tantissimi sono stati riciclati per la pulizia dei pennelli. Questo invece me li puliva benissimo senza appesantirli. Lo ricomprerò? Si.
La Crema da Doccia al mango di Sephora è stato un ottimo bagnoschiuma. Profumazione divina e mai stucchevole, buona schiuma, buon potere lavante, non seccava la pelle. Lo ricomprerò? Ho troppe scorte di bagnoschiuma in casa che termineranno nell'anno del mai. 
Un prodotto & Other Stories: lo Steel Garden Body Scrub che si è rivelato una piacevole scoperta. Acquistato in saldo un tempo immemore fa, faceva un ottimo effetto esfoliante senza essere aggressivo. La consistenza era abbastanza cremosa e al mio naso aveva un sentore di pera, molto gradevole in ogni caso. Dopo l'utilizzo la pelle era morbida e incredibilmente luminosa. Lo riacquisterò? No perché il negozio è tutt'altro che a portata di mano da dove abito e ci sono altri mille scrub corpo che vorrei provare (si Organic Shop, sto parlando di te!).
VARIE
Andiamo veloci in questa sezione. La Cera Depilatoria all'olio di argan di Natura Verde non mi è piaciuta per niente. Del marchio adoro la versione normale ma questa aveva una consistenza liquidissima che si accumulava sulla striscia. E' molto delicata sulla pelle, questo è vero però non mi ha convinto. La riacquisterò? No, continuerò con la versione normale. Acetone random da pochi centesimi. Toglieva lo smalto senza troppa fatica, ci siamo. Lo riacquisterò? Probabile. Essie Spa Many Many Mani trovata in omaggio con uno smalto Essie è un tripudio di siliconi che non riacquisterò sicuramente. 
I dischetti struccanti Ebelin, marchio che trovate al DM, continuano ad essere i miei preferiti. Non si sfaldano e costano pochissimo! Li riacquisterò? Certo, ne ho tipo altre cinque confezioni di scorta. Le Salviette Struccanti Fria Utility le ho acquistate esclusivamente per togliere gli swatches e per aiutarmi nel trucco. Non le ho mai utilizzate come struccante vero e proprio perché questa è una metodologia che non mi si addice. Il loro dovere lo hanno fatto quindi penso che se dovessi trovarle in offerta le riacquisterei destinandole allo stesso scopo.
Questa lima per unghie Royal Beauty è stata un flop clamoroso. E' durata pochissimo e la qualità era davvero cheap, quelle di Essence le danno un 10 a 0. La riacquisterò? Assolutamente no.
MAKEUP & CAMPIONCINI
Non troppo makeup, come al solito del resto. 
Con il Mascara Lash Potion di Revlon ho faticato tanto, soprattutto all'inizio in quanto non faceva l'effetto volume che tanto ricerco. Ad un mese dall'apertura, la formula si è "stabilizzata" e siamo andati decisamente più d'accordo ma non è scoccata la scintilla. Una nota a suo favore è il suo nero intenso (e il packaging meraviglioso che ovviamente non si riesce a cogliere dalla foto). Lo scovolino è grande grande, tipo l'I Love Extreme di Essence. Lo riacquisterò? No, in un mascara cerco tanto volume e questo non è stato in grado di regalarmi quanto desidero.
Il Make Me Brow di Essence lo abbiamo conosciuto in questo post. Sapete che mi piace tanto e che lo riacquisto sempre.
La 24 Ore Waterproof di Deborah è stata un'ottima matita occhi. La mia era quella marrone che ho utilizzato tantissimo come eyeliner. Si riusciva a sfumare con molta facilità, anche con l'aiuto dello sfumino all'altra estremità ma una volta fissata, rimaneva al suo posto fino al momento della rimozione. Molto comoda anche per il fatto di essere automatica. La riacquisterò? No, ho mille altre matite da finire prima che si secchino definitivamente. 
Per quel poco che ho potuto constatare, la Beauty Farm di Neve Cosmetics non mi è piaciuta particolarmente, troppo oleosa per la mia pelle. 
Una splendida impressione mi ha fatto invece la Crema Modellante Ricci di Gyada Cosmetics tanto da volere acquistare la full size. Questo campioncino mi è durato almeno una decina di applicazioni e un'idea sul prodotto me la sono potuta fare. I ricci sono definiti alla perfezione e sono ben nutriti. Ci rivedremo sicuramente (ah, l'ho anche inserita in questa wishlist).
Concludiamo con i consueti campioncini di profumo. Ancora Coco Mademoiselle che adoro e che dura un'eternità sulla pelle. Per la prima volta ho provato Chloé Eau de Parfum e me ne sono innamorata, se non costasse un rene avrei già acquistato la full size. Due fragranze Dolce & Gabbana Pour Femme e Intense che ho trovato simili a livello di profumazione e perfette per il periodo invernale in quanto dolci, calde e avvolgenti. Solitamente non amo profumazioni troppo dolci, infatti mi sono piaciute in campioncino giusto per pochi utilizzi. Meravigliosa invece la fragranza Dior Addict che ho trovato giovane e fresca. Anche qui il prezzo mi frena, per cui spero di procurarmi un altro campioncino.

Bene, posso ufficialmente buttare queste vecchie confezioni e fare spazio al nuovo.
Conoscete i prodotti menzionati? Cosa avete finito ultimamente? Fatemi sapere tutto nei commenti!





lunedì 5 febbraio 2018

TAG: Prodotti PRO(va) 2018

It’s that time of the year! Finalmente è tempo di stilare una nuova lista di prodotti PRO(va)!
Credo, anzi spero, che tutti sappiate di che cosa sto parlando. In caso contrario, ecco un piccolo riassunto delle puntate precedenti. Il tag dei prodotti PRO(va) nasce grazie a Miki del blog Miki In The Pinkland. Alla realizzazione del tag così come lo conosciamo oggi, hanno contribuito anche Misato del blog A Lost Girl e Ariel del blog Ariel Makeup. Lo scopo del tag è quello di stilare con criterio una wishlist di prodotti che davvero vorremmo acquistare durante l’anno suddivisi per categorie. Trovate la mia lista dei desideri 2017 qui mentre il bilancio di quella wishlist qui.
Ovviamente il tag è aperto a tutti, basta seguire poche e semplici regole:
1)      taggare MikiInThePinkLand, che ha creato il tag, A Lost Girl (loves make up!) ed Ariel Make Up, che hanno contribuito a renderlo così come lo leggete oggi
2)      mantenere l'organizzazione che le ragazze hanno dato al tag, tenendo a mente che non è obbligatorio indicare un prodotto per ogni singola categoria
3)      taggare tre o più bloggers
4)      taggare le ragazze e/o utilizzare l'hashtag #ProdottiPROva sui social in modo da poter individuare i vari post, leggerli e condividerli

E ora, ecco a voi la mia wishlist 2018 ufficiale.

SKINCARE
Detersione viso – Biofficina Toscana mousse detergente alla malva
Mi sono sempre trovata divinamente con i prodotti viso del brand. Questa mousse è sulla mia wishlist dallo scorso anno. Promette un effetto morbidezza sulla pelle e ha proprietà lenitive, emollienti e rinfrescanti. Basta?
Fonte

Crema viso -  Biofficina Toscana cremagel viso alla malva | Biofficina Toscana lozione viso illuminante
Si, ancora due prodotti del brand toscano. Ho sentito parlare benissimo di entrambe le referenze e la curiosità è salita alle stelle.
Fonte

Fonte

Scrub viso - //
Crema contorno occhi – Mossa restoring eye cream
Lo proverei a prescindere perché è a base di mora. Inoltre dovrebbe far apparire la zona più tonica. Dai, chi non lo vorrebbe?
Fonte

Tonico viso – La Saponaria acqua costituzionale attiva melagrana | Naturaequa tonico due rose
I tonici e gli idrolati sono stati una rivelazione lo scorso anno, il passaggio finale al quale ora non saprei proprio rinunciare. La Saponaria mi ha fatto innamorare dei suoi idrolati e ora mi ha incuriosita con quest’acqua costituzionale con proprietà antiossidanti. Il tonico di Naturaequa è stato lodato da più parti, soprattutto da Ludovica e Sara e io di queste ragazze mi fido. Tanto.
Fonte
Fonte

Siero Viso – Lavera hydro effect serum
Mi ha incuriosita parecchio il suo definirsi protettore dall’inquinamento atmosferico. Con i prodotti viso Lavera ho avuto un’ottima esperienza (click alla recensione del fluido alla menta), speriamo sia anche questo il caso.
Fonte

Maschera Viso – Lush mask of magnaminty (mascherita piperita) | Natura Siberia maschera viso energizzante
Sono anni che vorrei provare la mascherita piperita di Lush. Ora che sto smaltendo l’ultima maschera purificante rimasta, potrò finalmente acquistarla. Le maschere purificanti sono quelle di cui ho effettivamente più bisogno ma a metà settimana, mi concedo sempre una maschera leggermente più idrante, di quelle che dovrebbero garantire maggiore luminosità alla pelle e questa di Natura Siberica mi intriga assai.
Fonte

Fonte

Struccante Viso - //
Struccante Occhi – Delìdea Bio struccante bifasico detergente
Adoro i bifasici per rimuovere il trucco occhi. Questa novità Delìdea con estratti di fico e uva spina sembra molto promettente.
Fonte

Balsamo Labbra - //
Scrub Labbra - //


BODYCARE
Crema Corpo - //
Crema Mani; Unghie; Cuticole - //
Crema Piedi - //
Bagnoschiuma; Docciaschiuma - //
Scrub Corpo – Naturaequa scrub corpo al caffè | Organic Shop organic coffee & sugar body scrub
Ehm si, quest’anno mi è venuta la fissa di acquistare scrub al caffè. Le responsabili sono, ancora una volta, Sara e Ludovica con le loro recensioni.
Fonte
Fonte


Deodorante - Schmidt's Deodorant Lime & Bergamot Stick
Questo prodotto era già presente lo scorso anno. Non ho più scuse.
Fonte

Varie - //

HAIRCARE
Shampoo – Le Erbe Di Janas shampoo uso frequente fico d’India e rosmarino bio
Ho letto più di una recensione positiva circa questo shampoo e, nonostante con il mio tipo di capelli sia sempre un azzardo cambiare shampoo bio, la curiosità è tanta. Sicuramente acquisterò per prima la minitaglia.
Fonte

Balsamo - Alkemilla Balsamo Capelli Bio Arancio e Limone
Questo è il suo anno. Promesso.
Fonte

Maschera - //
Styling Capelli – Gyada crema modellante ricci | Alkemilla K-hair styling mousse
Sulla crema Gyada baro leggermente perché l’ho già provata in campioncino e me ne sono follemente innamorata. La curiosità verso la styling mousse di Alkemilla me l’ha messa Sara con questa recensione.
Fonte

Fonte


MAKEUP
Primer Viso - //
Fondotinta – Purobio compact foundation
I video applicazione su Youtube mi hanno piacevolmente colpita. Inoltre mia mamma lo utilizza quotidianamente trovandosi benissimo.
Fonte

Correttore - //
Cipria – Defa Cosmetics cipria universale
Vanessa mi ha incuriosito tantissimo con le sue parole e sarebbe finalmente l’occasione giusta per provare qualcosa del brand.
Fonte

Illuminante – Mulac Glow Bunny
Sono stata brava ed ho inserito in questa categoria solo un illuminante. Ho visto uno swatch di questa meraviglia sul blog di Eleonora ed ho immediatamente capito che doveva essere mio!
Fonte

Blush – Nabla Blossom Blush Harper
Un blush dalla colorazione universale e che si adatta perfettamente ad ogni tipo di makeup manca nella mia collezione. Lo giuro!
Fonte

Bronzer - //
Rossetto – Charlotte Tilbury Matte Revolution Pillow Talk | Neve Cosmetics Pastello Labbra Lychee & Pitaya | The Body Shop Matte Lip Liquid Goa Magnolia
Quattro rossetti. Mi faccio un applauso da sola. Ovviamente sappiamo tutti che la mia wishlist in questa categoria equivale a questo simbolo: ∞. Tuttavia quelle indicate sopra sono le referenze che maggiormente mi piacerebbe provare. Ah, dimenticavo. Lumiere e Point Zero di Colourpop inseriti lo scorno anno sono ancora validi!
Fonte
Fonte

Fonte
Fonte

Lipgloss - //
Matita Labbra - //
Mascara - //
Primer Occhi - //
Ombretto mono e/o pigmento – Nabla Ombretti Refill Freestyler, Water Dream & Luna | Neve Cosmetics Ombretto in Cialda Date & Lithium
Ormai gli ombretti Nabla mi hanno creato dipendenza. Ho selezionato i tre che attualmente mi attirano di più ma potessi li acquisterei tutti, non sto scherzando. Vorrei approfondire anche il discorso delle cialde di Neve perché le tre che ho al momento sono eccezionali. Ah, Cornelious di Colourpop rimane anche lui in wishlist.
Fonte

Fonte
Fonte
Fonte

Fonte

Ombretto in crema - //
Glitter – Mulac Antidote
Niente, mi è scoppiata la fissazione dei glitter. Io che fino a pochi mesi non li potevo neanche guardare. Ora mi cospargerei di glitter.
Fonte

Palette – Anastasia Beverly Hills Modern Renaissance Palette | Mulac Good Vibes
La palette di ABH non credo abbia bisogno di presentazioni. È costantemente sold out sui siti che monitoro io, che il 2018 sia l’anno buono? Io me lo auguro, il mio portafogli un po’ meno. La Good Vibes di Mulac ha invece delle tonalità che amo e più guardo video, più capisco che deve essere mia.
Fonte
Fonte

Eyeliner - //
Matita Occhi - //
Prodotto per Sopracciglia – Zoeva Graphic Brows Bistre
Mi trovo benissimo con la Brow Divine di Nabla ma vorrei anche provare questa di Zoeva che come concetto è praticamente simile ma costa meno.
Fonte

Smalto - //

VARIE ED EVENTUALI
Pennelli - //
Accessori - //
Extra - //

E con un’intera categoria vuota, abbiamo finito! Non mi resta ora che taggare altre tre compagne blogger e, in particolare, vorrei conoscere i desideri di Sara, Federica e Rosy.
Ovviamente siete però tutte invitate a partecipare seguendo le regole indicate ad inizio post!Ringrazio ancora Miki, Misato ed Ariel per aver creato un tag così stimolante e divertente da realizzare.

Ma ora ditemi: quali sono i prodotti che più vi piacerebbe provare nel 2018? Conoscete o utilizzate già dei prodotti che ho menzionato nella mia lista? Avete altri consigli da darmi? Ditemi tutto nei commenti che sono in modalità spendacciona!