giovedì 18 febbraio 2021

Delidea Bio Siero Viso Illuminante | Review

 I sieri viso sono la mia categoria di skincare preferita. Questa tipologia di prodotto risponde perfettamente alle esigenze della mia pelle mista in quanto mi fornisce sempre il giusto grado di idratazione. 
L'ultimo testato è del marchio Delidea Bio e nella fattispecie è il Siero Viso Illuminante

Partiamo dalla descrizione del prodotto: siero viso illuminante con stella alpina e ribes. Delidea ce lo definisce anche come indicato per contrastare l'iperpigmentazione cutanea.
Sono proprio gli estratti contenuti al suo interno che dovrebbero garantire alla pelle un aspetto più tonico e luminoso, andandola a nutrire e a favorire il rinnovamento delle cellule.
Ho notato l'effetto illuminante? Oh si! La pelle risulta subito più bella, levigata e illuminata già dopo l'assorbimento del prodotto. Applicazione dopo applicazione ho notato anche maggiore compattezza.
La consistenza del prodotto è quella riscontrata anche in altri sieri, su tutti quello di Biofficina Toscana: leggera e gelatinosa.


L'assorbimento è davvero ultra rapido però non a discapito dell'idratazione. Mi ripeto, lo so, ma la mia pelle non ha bisogno di tanto e questo prodotto risponde perfettamente alla mie esigenze. La pelle è idratata per tutto il giorno e anche con le temperature rigide delle scorse settimane non ho riscontrato alcun problema.
Lo vedo un prodotto davvero adatto a tutte le stagioni, anche con il caldo torrido dell'estate. 
Se però non avete una pelle misto/grassa vi consiglio di applicare un ulteriore strato di crema idratante perchè temo che lui da solo non sia sufficiente.
Il fatto poi che si assorba così velocemente lo rende perfettamente compatibile con il trucco che vado ad applicare poco dopo. 
Il marchio ci informa che il prodotto è ottimale per contrastare le macchie delle pelle. Non posso darvi riscontro in merito perchè non è una situazione che mi riguarda. Guardando però delle recensioni su Eccoverde, ho letto pareri contrastanti. Alcune persone non hanno notato cambiamenti, altre invece hanno notato un effetto schiarente. 
La profumazione, credo per la presenza del ribes, è leggermente pungente. Una sensazione olfattiva simile l'ho provata con la crema corpo Mossa, marchio che utilizza le bacche nordiche.
Ultimo aspetto che vorrei toccare è quello della confezione. Il prodotto è contenuto in una boccetta di vetro opaco ed è dotato di applicatore contagocce.


Ideale e funzionale direte voi. In linea teorica si, trovo questo tipo di applicatore molto pratico ed appropriato per un siero. In questo caso però non riesco a prelevare una quantità di prodotto omogenea. Premo sul tappino e il siero non fuoriesce sempre allo stesso modo. A volte è sufficiente, molte volte ho bisogno di premere una seconda volta. 
Niente di sconvolgente ma voglio essere precisa fino in fondo.

Passando ai dati tecnici vi dico che all'interno troviamo 30 ml di prodotto, il PAO è di 12 mesi, al suo interno sono contenuti ingredienti naturali e biologici, è nickel tested e lo possiamo trovare anche nella grande distribuzione. Io infatti l'ho acquistato da Tigotà a poco meno di 12 euro.

Per concludere, con questo siero sto avendo una piacevolissima esperienza. Noto la pelle luminosa e rimpolpata e idratata perfettamente per quelle che sono le mie necessità.

Voi avete provato questo prodotto? Quali sono i sieri che avete apprezzato di più?
Fatemi sapere tutto nei commenti!

martedì 2 febbraio 2021

Prodotti finiti #22

 Solitamente i post sui prodotti terminati piacciono sempre parecchio. Anche da lettrice li trovo utili e gradevoli.  
Le confezioni vuote in questione risalgono ancora al vecchio anno quindi, per intenderci, non finiscono nel progetto my year of less stuff.


Tanti campioncini come di consueto ma cerchiamo di andare con ordine. Vi anticipo comunque che su questi lidi di campioncini ne vedremo ancora tanti e per tanto tempo.


Gyada Cosmetics balsamo rinforzante alla spirulina: mi è piaciuto molto. Nutriente e districante, ve ne parlo meglio in questo post.
Alverde Bio-Mandel & Bio-Argan shampoo: uno dei miei preferiti in assoluto. Questa sarà la quarta confezione che termino. Purtroppo ho finito le scorte e il DM più vicino è a Bologna. Non è un gran periodo per gli spostamenti ma farò scorta non appena potrò. 
Lavera Feuchtigkeit & Pflege Shampoo: una piacevole conferma come tutti gli shampoo del marchio provati nel corso degli anni. Qui per saperne di più.
Kamelì scrub corpo con sali del Mar Morto: ha fatto egregiamente il suo dovere. Consigliato se avete una pelle delicata che necessita di idratazione. Per saperne di più cliccate qui.


Naturaequa balsamo litsea superammorbidente: carino, niente di più. Si i capelli erano morbidi e districati ma non mi ha invogliato a fare un pensiero sulla full size.
Alkemilla maschera ristrutturante fragola & panna: ovviamente devo partire dalla profumazione divina di questa maschera. Invoglia all'assaggio, non scherzo. Il prodotto in sè è meraviglioso: capelli super nutriti, morbidi e districati.
Biofficina Toscana balsamo senza risciacquo: la profumazione era meravigliosa ma mi fermo qui. Purtroppo con i prodotti capelli di Biofficina non vado d'accordo e continuo a preferire i classici balsami con risciacquo.
Biofficina Toscana crema capelli ristrutturante: profumazione da dieci e lode anche in questo caso. Con questo prodotto non mi sono trovata male come mio solito ma ho paura che l'uso prolungato mi appesantisca i capelli.
L'Occitane 5 essential oils repairing shampoo: pessimo. Non ho altro da aggiungere.
Phitofilos shampoo lavaggi frequenti con aloe vera: dopo il suo utilizzo avevo la sensazione di cute non pulita in profondità, peccato.


PuraVida Bio crema idratante effetto mat: di questa voglio la full size. Ho amato tutto di questa crema: idratazione perfetta per una pelle mista, effetto mat per davvero, profumazione delicata. Un grosso si!
Dr. Organic virgin olive oil day cream: come prevedibile, troppo corposa e pesante per la mia pelle mista.
Aquaria Thermal Cosmetics siero ricompattante: un buon prodotto che mi hanno omaggiato alle terme di Sirmione sicuramente più di un anno fa.
Mossa vitamin cocktail intense rehydratrion energising day cream: non male ma non acquisterei la full size.
Deborah Milano trio di ombretti in Gold Fever: lo cestino sia perchè non lo utilizzo mai, sia perchè è molto vecchio. Gli ombretti, se così possiamo denominarli, sono dei semplici brillantini sugli occhi. Non apporta nulla di entusiasmante alla mia collezione quindi addio. 

Ancora una volta l'utilizzo di campioncini mi ha permesso di scoprire prodotti validi per le mie esigenze, avanti così!

Voi invece cosa avete terminato ultimamente? Fatemi sapere tutto nei commenti!




                                                              

domenica 24 gennaio 2021

Brand che voglio provare nel 2021

Questo post è una sorta di wishlist. Utilizzando questo format non ho mai scritto nulla di simile ma, di fatto, oggi vi svelo i brand che sono da tempo nella mia lista dei desideri e che mi piacerebbe testare per la prima volta. 
brands I want to try in 2021

L'elenco che seguirà è stato fatto con criterio. Se avete letto il post precedente, saprete già che ho un budget mensile a disposizione e che vorrei terminare l'anno con meno cose. Penso che quanto scritto, numeri ed euri alla mano, possa essere realistico.
Ecco dunque i marchi che mi piacerebbe provare nel 2021 e perchè. 

OLE HENRIKSEN
L'unico marchio di skincare che vedrete in questo post. 
Ne ho sentito parlare spesso, su Sephora vedo sempre tante stelline sotto i loro prodotti e visto che dovrò fare rifornimento di scrub e maschere viso vorrei togliermi lo sfizio ed acquistare qualche loro prodotto (magari beneficiando di un 20%). In particolar modo è la linea Balance con il suo scrub viso ad attrarmi maggiormente. 

KALEIDOS
Kaleidos è un brand che spopola tra i miei feed su Youtube. Tutti ne esaltano la qualità e l'originalità. Lo scorso anno il marchio ha ampliato la propria gamma e prodotti viso e labbra si sono aggiunti agli ombretti. Ovviamente sono a questi ultimi che volgerò il mio portafogli. Le color story delle loro palette mi fanno tutte, e dico tutte, impazzire. Da quanto vedo e sento la pigmentazione è pazzesca ma non a discapito della sfumabilità.

JUVIA'S PLACE
Juvia's Place è oggi un nome di prestigio all'interno della beauty community. Anche loro hanno ampliato la gamma prodotti e offrono una full face completa. Ancora una volta sono gli ombretti ad attrarmi, in modo particolare le palette da 6. Dovrebbero aprire a breve uno store europeo, solitamente hanno sempre degli sconti interessanti e si possono utilizzare codici per ulteriori riduzioni.

CLIONADH
Sento nominare questo indie brand canadese e immediatamente mi vengono in mente i loro meravigliosi ombretti multichrome. Le loro formulazioni rappresenterebbero indubbiamente una novità nella mia collezione, motivo per cui mi piacerebbe provare qualche loro prodotto.

SIDNEY GRACE
Altro brand indipendente che spessissimo vedo nominare da Temptalia. E proprio con Christine il brand ha annunciato una collaborazione. La qualità di Sidney Grace è osannata da più parti. Sono anni che leggo di trucchi su Temptalia e quindi questa collaborazione capita proprio nel momento giusto.

WE MAKEUP
Unico marchio italiano, molto famoso per i suoi ombretti singoli. Non nego che questi mi attirino ma se troviamo il brand in questa lista è per il loro More Mascara. Anche i loro lipgloss sembrano molto promettenti ma investire in prodotti labbra non mi sembra il caso primo perchè ho una collezione a tre cifre e secondo perchè, se esco, indosso sempre la mascherina.

A parte Ole Henriksen, noto con piacere che gli altri sono tutti indie brand. Potendo scegliere, sono contenta che i miei soldini vadano a realtà più piccole, molto spesso gestite a livello famigliare. 
Ovviamente sono tutti marchi cruelty free.

Ora tocca a voi! Avete anche voi dei marchi che vorreste provare per la prima volta? Fatemi sapere tutto nei commenti.

venerdì 15 gennaio 2021

Un anno di no buy e nuovi progetti per il 2021

 Amiche e amici buon anno! Perdonate la lunga assenza ma questo è un periodo un pochino movimentato.

Nel primo post del 2021 vorrei fare qualche riflessione a voce alta con voi sul progetto che mi ha tenuto compagnia lo scorso anno e sui buoni propositi per i prossimi 365 giorni.

Andiamo con ordine. Il 2020 è stato un anno di no buy per me. In questo post vi spiego motivazione e regole quindi non mi vorrei dilungare troppo ma come dice la parola stessa, l'obiettivo è quello di non acquistare nulla durante un certo arco temporale. Sono riuscita nel mio intento? Si, ci sono riuscita. In tutto il 2020 ho acquistato solamente 4 prodotti beauty, tutti sostituti di altrettanti prodotti terminati. Per i curiosi: un contorno occhi, uno scrub corpo, uno shampoo e un deodorante.                                                                                              All'inizio dell'avventura non sapevo proprio cosa aspettarmi, pensavo sicuramente a quanto complicato sarebbe stato. Vi assicuro invece che il tutto è trascorso in maniera indolore e ad un anno e passa di distanza posso affermare di aver modificato alcuni comportamenti/atteggiamenti.                                           Quali erano dunque le mie abitudini fino alla fine del 2019? Quali erano i miei punti deboli? Innanzitutto sconti e promozioni hanno da sempre esercitato un enorme fascino su di me. Con la scusa di un meno 20% finivo sempre per mettere nel carrello più cose del necessario. La conferma arriva dal fatto che in tutto un anno ho acquistato solo quattro prodotti. Il resto lo avevo già in casa. Scorte e back up che giacevano nei cassetti da tempo immemore. Valanghe di campioncini inutilizzati.                                                                                        Mettiamola un attimo sul piano dell'abbigliamento ma anche qui il concetto è simile. Bloccata in casa ne ho approfittato per mettere ordine nel mio armadio. Le frasi ricorrenti erano "ah, è vero che ho anche questo", "questo capo non l'ho mai indossato". Poi sono andata a vedere gli elementi presenti nelle mie wishlist personali di alcuni siti di abbigliamento. Tutti doppioni. Avevo già a disposizione quei capi marchiati con il cuoricino.                                                               Con i prodotti di makeup poi potremmo aprire un dibattito infinito. Quanti lip trio ho acquistato? Ma soprattutto perchè? Non mi servono tre rossetti nello stesso momento, così come non mi servono i kit dei Sephora Favourites. Così come i replacement possono aspettare se ho ancora prodotto all'interno. Tanto gli sconti ci sono sempre ed evitiamo di accumulare cose e privarci di spazio.

Il filo conduttore è, per dirla in inglese, wants vs needs. Questo anno di no buy mi ha davvero fatto capire la vera distinzione tra necessità e voglia. Non voglio essere presuntuosa e dire che le mie spending habits da qui in avanti saranno perfette. Probabilmente non sarò mai una persona minimalista. Sono in cammino ma qualcosa è scattato nel mio cervello. Prima di premere il tasto "acquista" la domanda che mi faccio è: questo prodotto (di beauty, di makeup, di abbigliamento) rappresenta qualcosa di necessario in questo esatto momento? Apporta qualcosa di nuovo e unico all'interno della mia collezione? 

Lo scorso anno, con il "divieto assoluto" di acquisto è stato facile. Ma ora? Manterrò un comportamento virtuoso e intelligente o le abitudini passate torneranno a farmi visita? Spero vogliate seguirmi in questo nuovo cammino. In questo 2021 vorrei prendere parte a due progetti. Uno è un budget year e l'altro un year of less stuff. Musa ispiratrice di entrambi è la splendida Hannah Louise Poston (alla quale vi rimando per riflessioni di qualità sopraffina). 

Fonte


Budget year: avrò a disposizione un budget mensile per i miei acquisti di beauty e makeup. Per le mie esigenze il tetto sarà di 40€/mese. Gli eventuali euri non spesi saranno aggiunti ai 40 del mese successivo. Dunque potrò scegliere se e cosa acquistare. Qui davvero metterò alla prova gli insegnamenti del mio no buy year. Ho deciso però di continuare sulla linea del no buy per abbigliamento e accessori. Davvero qui non ho bisogno di nulla.

My year of less stuff: ad inizio anno ho fatto l'inventario di tutto il makeup e di tutti i prodotti beauty in mio possesso al 31/12/2020. L'obiettivo è quello di arrivare alla fine dell'anno con meno prodotti rispetto all'inizio. Ho deciso di tenere separate le due categorie e ovviamente vi farò sapere strada facendo, diciamo un aggiornamento trimestrale. 

Direi di avere scritto anche troppo. In sintesi sono molto contenta della scelta fatta a fine 2019, mi ha permesso di crescere, maturare e riflettere. Sono curiosa anche dei due nuovi progetti.

Voi avete mai fatto un anno di no buy? Quali sono le vostre buone intenzioni per questo nuovo anno? Fatemi sapere tutto nei commenti!

lunedì 14 dicembre 2020

Lepo Gel Contorno Occhi | Review

 Forse ve l'ho già detto ma per la recensione di oggi è bene ripeterlo. Il mio contorno occhi, al momento, non ha grandi pretese. E' tutt'altro che secco e, fortunatamente, è ancora messo bene in quanto a rughettine e segni di espressione. Spero di poter dire questa frase ancora a lungo ma l'età avanza.

Oggi vi racconto la mia esperienza con il gel contorno occhi borse e occhiaie  all'acqua di rosa damascena bio ed estratto di quinoa del marchio Lepo


Il marchio è presente da tanti decenni nel panorama italiano e in passato credo di aver provato un loro correttore. E' la prima volta però che provo un prodotto per la skincare e mi sono imbattuta in lui quasi casualmente. All'inizio dell'estate avendo terminato il contorno occhi di Mossa volevo un prodotto di questo tipo che avesse il roll on nella speranza di contrastare la calura estiva. La mia bioprofumeria di fiducia mi ha proposto lui. Lo sto usando con costanza da metà giugno e credo di riuscire a terminarlo entro il suo PAO (di sei mesi).

Partiamo dalla consistenza che come suggerisce il nome è in gel. Il prodotto si lascia lavorare bene nella zona del contorno occhi non lasciando mai scia bianca. L'applicatore con le tre sfere si è rivelato molto piacevole durante il periodo caldo, lasciando una bella sensazione di freschezza e contribuendo a donare un senso di sgonfiore. E' noto che questo tipo di applicare favorisce il massaggio e il drenaggio dei liquidi.


Trascorro molto tempo al computer e il sonno non è dei migliori ultimamente. Tuttavia la situazione borse/occhiaie non è peggiorata. Sarà merito di questo contorno occhi? Sarà genetica? Sarà l'unione dei due? Non è dato saperlo. Sappiate però che la zona è sempre uguale e quindi mi sembrava giusto sottolinearlo. Se qualcosa doveva peggiorare, beh non gli è stato concesso.      
Gli attivi contenuti all'interno del prodotto sono di tutto rispetto. Abbiamo acqua di rosa damascena con proprietà rinfrescanti e rivitalizzanti. Estratto di quinoa che "aiuta la pelle a supportare la sua integrità strutturale e contribuisce ad attivare la lipolisi, “rompendo” accumuli di grasso nella zona perioculare" (click qui). E poi ancora estratto di fiori di margherita, di fiori di pilosella, di alghe rosse, tutti con proprietà idratanti, rassodanti e tonificanti.
Dopo aver applicato il prodotto la zona è idratata perfettamente per le mie esigenze. Se avete un contorno occhi molto secco forse questo di Lepo potrebbe essere leggero o non sufficientemente nutriente.
Per quanto riguarda i tempi di assorbimento ho notato delle piccole differenze tra estate e autunno. Con i primi freddi questi sono diminuiti di parecchio. Dopo dieci minuti sentite la zona liscia e idratata mentre in estate prima del completo assorbimento ho aspettato anche una mezzoretta. Per me non è un grosso problema perchè, non avendo l'area secca, applico il contorno occhi solo la sera prima di andare a dormire. Non utilizzo mai prodotti di questo tipo sotto al trucco. Se però non siete di questa scuola, ecco i tempi di assorbimento sono più lunghi con le temperature più alte quindi giostrate bene il tempo a vostra disposizione.
Come sempre sono esperienze personali quindi ciò che vale per me potrebbe non valere per voi.

Il prodotto è senza profumo, senza siliconi o parabeni, nickel tested, vegano e non testato su animali. All'interno sono contenuti i canonici 15ml, la scadenza è di sei mesi e il prezzo è di 24,90 euro.
Non il contorno occhi della vita, devo essere sincera ma comunque un valido prodotto per le mie esigenze. 
Qual è il contorno occhi che state utilizzando in questo periodo? Avete mai provato prodotti Lepo? Fatemi sapere tutto nei commenti.



giovedì 26 novembre 2020

Kamelì Scrub Corpo con Sali del Mar Morto | Review

 Conoscere e provare nuovi marchi mi piace sempre tanto. Specialmente se si tratta di realtà italiane e con filosofie che condivido pienamente.

Oggi parliamo di Kamelì, un marchio mai comparso su questi schermi, ma presente da qualche anno nel panorama della biocosmesi italiana. Kamelì ha sede a Pisa e nasce dal sogno e dalla passione di due dottoresse in chimica farmaceutica, Giuliana ed Eleonora.

Tanto tempo fa, partecipai alla box di avvento de Il Giardino di Arianna e in uno dei pacchettini trovai lo scrub corpo con sali del Mar Morto di Kamelì. Se ve lo recensisco solo ora è perchè avevo quella brutta abitudine di accumulare prodotti su prodotti ma fortunatamente lo scrub è ancora in vendita ed eccoci qui.


Il packaging è il classico barattolino circolare da scrub e fa parte della Linea Primule dedicata ai prodotti per il corpo.

Ciò che mi ha immediatamente colpita aprendo la confezione è la grande presenza di oli, presenza confermata dalla consistenza del prodotto. 

Lo scrub si presenta di un meraviglioso verde smeraldo e credetemi verrete deliziati dalla sua profumazione. E' fresca, sa di pulito e fortunatamente persiste qualche ora sulla pelle.

La consistenza è appunto molto ricca. Potete vedere dalla foto come la presenza di oli sia importante. L'azienda ci dice che gli ingredienti chiave di questo scrub sono i sali del Mar Morto (molto comuni in questo genere di prodotto) ma soprattutto il mix di oli pregiati: olio di oliva bio, olio di germe di grano, olio di lino, di mandorla, di borraggine.

Vi posso assicurare che questa formulazione dona idratazione intensa e persistente. Dopo il suo utilizzo non ho necessità di applicare una crema idratante perchè la pelle è nutrita egregiamente. Inoltre è visibilmente più luminosa (fattore molto apprezzato questa estate) e la sento più elastica oltre che morbidissima. Insomma, il post utilizzo è parecchio soddisfacente.

La presenza di così tanti oli rende il prodotto molto delicato senza compromettere il potere esfoliante dato dai sali. 

Sottolineo però anche un aspetto non negativo, sarebbe esagerato definirlo tale, ma che non mi è mai capitato con altri scrub corpo. Alcuni granuli, credo proprio per l'alta concentrazione di olio, tendono ad attaccarsi alla pelle anche dopo il risciacquo e al pavimento della doccia. Niente di drammatico, me ne rendo conto, però mi capita di dover rimuovere con un asciugamano residui verdi dalle gambe. 

Tirando le somme mi sono trovata molto bene con lo scrub corpo Kamelì e sono contenta di aver avuto l'opportunità di provarlo. Gli ingredienti di alta qualità fanno la differenza in quanto ad idratazione, tonicità e luminosità delle pelle. Al suo interno non troviamo siliconi, petrolati, parabeni e compagnia bella e ovviamente siamo di fronte ad un prodotto non testato su animali.

Il prezzo per 150 ml è poco meno di 15 euro. Potete acquistarlo sia sul sito Kamelì sia presso numerose bioprofumerie online e fisiche (sul sito ufficiale trovate tutti i punti vendita). 

Ora ditemi, avete mai provato il marchio Kamelì? Quali altri prodotti consigliate? Fatemi sapere tutto nei commenti!


martedì 10 novembre 2020

Natura Siberica Energizing Facial Mask | Review

 Scrivo la recensione di oggi con molto entusiasmo perchè parleremo di un prodotto di ottima qualità: la Energizing Facial Mask di Natura Siberica.


Natura Siberica non è certo una novità nel panorama italiano ma io, che sono sempre sul pezzo, la provo solo ora. Come suggerisce il nome, il marchio proviene dalla Russia e i suoi prodotti sono arricchiti da ingredienti presenti nelle nordiche latitudini della Siberia. Se è su questi schermi è perchè non è testato su animali. La gamma prodotti è davvero completa con prezzi assolutamente onesti, a mio avviso.

La mia skincare consta sia di una maschera purificante che di una idratante/illuminante. Dopo un'esperienza non proprio idilliaca con quella di Bioearth, questa di Natura Siberica mi sta dando notevoli soddisfazioni.

I claim sono pelle luminosa e rivitalizzata. Signor*, detto fatto.

Parto dalla consistenza: è una crema bianca, molto leggera e confortevole sulla pelle. Quando la applicate diventa quasi trasparente. La profumazione poi mi piace da matti: inizialmente è dolce poi diventa più balsamica sento tanto la camomilla e il pino, aromi che aumentano l'esperienza di benessere. I tempi di posa sono minimi: dieci minuti sono anche già troppi per me che ho la pelle mista. Avendo una texture così sottile si rimuove con acqua senza problemi. Ottimo perchè così non vi sfregate troppo la pelle. 

Immediatemente si percepisce quanto la pelle sia liscia e morbida. Non solo. Il suo merito sta proprio nel donare un aspetto sano e tonico. Vedo davvero che la pelle è riposata, rilassata e più luminosa. Per le mie esigenze la utilizzo una volta a settimana.    

Al suo interno troviamo oli essenziali naturali tra i quali l'olio di semi di girasole (dovrebbe aiutare a rigenerare le cellule), l'estratto di amaranto (che migliora l'elasticità della pelle), l'olivello spinoso (anch'esso con proprietà rigeneranti e nutrienti) e la calendula (nota per le sue proprietà lenitive).

Sono convinta che questa maschera sia adatta a tutti i tipi di pelle. Io e la mia pelle mista ci stiamo trovando benissimo: non spuntano brufoletti, la lucidità non aumenta. 

Insomma una piacevole scoperta che credo possa diventare una riconferma.

All'interno del tubetto troviamo 75 ml di prodotto ad un costo di circa 7€. Natura Siberica si può acquistare in molte bioprofumerie sia fisiche che online ma anche in alcune Esselunga.

Conoscevate questa maschera? E Natura Siberica? Quali loro prodotti mi consigliereste per il futuro? Fatemi sapere tutto nei commenti!